16/09/2007

L’Amuleto di Samarcanda

Posted in Fantasy, Lettura, Libri, Recensioni a 01:43:07 di JhacK

Questa volta tocca a “L’Amuleto di Samarcanda“, di Jonathan Stroud.

36280.jpg

Si tratta del primo libro della cosiddetta “Trilogia di Bartimeus” che comprende:

  • L’Amuleto di Samarcanda (2003)
  • L’Occhio del Golem (2004)
  • La Porta di Tolomeo (2005)

Naturalmente ora vi dovete sorbire la quarta di copertina, come da tradizione 🙂 :

Il millenario jinn Bartimeus, il demone che costruì le mura di Uruk, Karnak e Praga, che parlò con re Salomone, che cavalcò per le praterie con i padri dei bisonti, che sorvegliò l’Antico Zimbabwe fino a quando le pietre caddero e gli sciacalli banchettarono con le sue genti, viene improvvisamente richiamato dal mondo degli spiriti ed evocato a Londra. La sua missione è tra le più difficili e pericolose: rubare il prezioso amuleto di Samarcanda a Simon Lovelace, mago senza scrupoli e membro del Parlamento. Ma il vero problema è che a chiamarlo è stato un ragazzetto di dodici anni, che non sembra affatto in grado di governarlo… Jonathan Stroud crea una Londra alternativa, una Londra tetra e cupa, in cui si mescolano atmosfere dickensiane e personaggi da mille e una notte. Un mondo apparentemente molto diverso dal nostro, ma agitato dagli stessi intrighi e dalle stesse brame, prima tra tutte quella per il potere. Un potere solo apparente, poiché ottenuto grazie a forze che non vedono l’ora di ribellarsi a chi le ha assoggettate, geniale metafora delle umane ambizioni. Ricercato, ricco di suspense, sapientemente costruito e divertentissimo, “L’amuleto di Samarcanda” è un capolavoro della fantasy: sovverte brillantemente le regole, presentandoci un mondo magico ‘al negativo’, dove gli umani – generalmente meschini, invidiosi e senza scrupoli – sono contrapposti agli spiriti ben più potenti, ingegnosi e astuti di loro. E ci presenta un protagonista indimenticabile: l’arguto, saccente, irascibile Bartimeus, che con la sua prosa spumeggiante cattura l’attenzione e la trascina inesorabilmente fino all’ultima pagina.

È la prima volta che mi imbatto in un fantasy comico e ne sono rimasto piacevolmente sorpreso. Scordatevi Tolkien, scordatevi Earthsea, scordatevi Harry Potter: è decisamente differente.

I maghi che popolano questo mondo, ricondotto ad una Londra non facilmente inquadrabile in un’epoca storica precisa, sono presentati in maniera dissacrante: i maghi vengono cresciuti fin dalla più tenera età da maestri per lo più crudeli; la gente comune è assoggettata alla casta dei maghi, i cui componenti non presentano alcuna caratteristica riconducibile alla nobiltà d’animo e saggezza degli stereotipi tradizionali.
Il loro potere deriva solamente dalle capacità di evocare demoni, di diversa entità e potere, o, più semplicemente dal possedere talismani o amuleti che possono conferire capacità incredibili. I demoni vengono trattati come schiavi e congedati una volta completato il loro compito; naturalmente sono pericolosi e l’evocatore deve avere la forza di controllarli, poiché non aspettano altro che un passo falso o un ordine impartito scorrettamente per poter travisare le parole ed uccidere chi li ha chiamati.

Il demone in questione, Bartimeus, è un jinn di antica esperienza, estremamente intelligente, acuto e sarcastico (come avrete evinto dalla quarta di copertina, se non l’avete saltata 😉 ).

L’evocatore è un ragazzo di appena 12 anni, il cui vero nome è Nathaniel, “adottato” da un maestro assolutamente incompetente nell’arte della magia che non ne riconosce le capacità e lo tratta con disprezzo. Sotto la sua “guida” Nathaniel apprende, leggendo di nascosto i suoi libri, ben di più di quanto ad un ragazzo della sua età sia concesso.

Il rapporto tra tra Bartimeus e Nathaniel è davvero comico: Bartimeus cerca in continuazione di fregarlo e, di contro, Nathaniel usa la sua astuzia e la sua inventiva per tenerlo a bada ed obbligarlo a portare a termine i compiti assegnatigli.

L’io narrante è, soprendetemente, Bartimeus, che commenta gli eventi ed i comportamenti dei vari personaggi in modo da demolirli in continuazione, senza alcuna pietà per nessuno. Inoltre, si riferisce ancora più direttamente al lettore tramite delle note a piè di pagina, un espediente efficace e divertente per creare quel distacco dalla storia necessario per apprezzarne ancora maggiormente l’ironia.

Una nota fra tutte:

[…] La stragrande maggioranza degli umani riesce a operare su un solo livello conscio, oltre che su un paio di livelli più o meno inconsci che agiscono magmaticamente nel profondo. Mettiamola così: io potrei leggere un libro con quattro storie differenti stampate l’una sull’altra, e registrarle tutte con un solo passaggio degli occhi. Per voi invece sono costretto a ricorrere alle note a piè di pagina.

Sicuramente leggerò gli altri due libri della serie, però probabilmente con un’interruzione d’obbligo dovuta a “Mondo Senza Fine” :).

Una curiosità: avete notato una non minima somiglianza tra il nome dell’autore del libro e il vero nome del ragazzo? Per intenderci, jonathaniel. Per non parlare del nome di uso comune che verrà affibbiato a Nathaniel, che non vi svelo :).

Informazioni sul libro:

Titolo Originale The Amulet of Samarkand
Editore Salani
Anno di prima pubblicazione 2003
Pagine 449
Legatura cartonato
Prezzo €16,50
ISBN 88-8451-301-4
Annunci

1 commento »

  1. Ninive Shyal said,

    Già avevo una mezza idea di leggerlo, ora mi hai proprio fatto venir voglia di comprarlo!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: