14/09/2006

Glennkill

Posted in Libri, Recensioni, Riflessioni a 17:28:03 di JhacK

Eccovi un libro che ho letto all’inizio dell’estate.

Il titolo è “Glennkill“, scritto in rosso sulla copertina, e con alla base della parola “kill” una macchina di sangue. Sotto, una pecora stilizzata su cui è applicato (fisicamente) un ciuffettino di lana (?) per rappresentarne il vello.

gkennkillcover.png

La breve ed efficace descrizione del libro è:

Il primo giallo risolto da Miss Maple, la pecora più intelligente del gregge, forse del villaggio, probabilmente del mondo.


Un best-seller in Germania, scritto da Leonie Swann (ma non sembra anche a voi molto somigliante a Amélie Poulain?), che tratta la storia di un gregge di pecore, le quali si vedono alle prese con il difficile compito di scoprire l’assassino del loro adorato pastore. Tutta la vicenda è narrata dal punto di vista delle pecore del gregge, sapientemente caratterizzate dall’autrice. In un certo senso, dopo aver letto il libro si riesce a capire come i pastori riescano a distinguere le pecore :).

autrice.jpg

La furbata dell’autrice è stato il non attribuire comportamenti e pensieri propri degli esseri umani alle pecore, ai montoni e agli agnellini in modo tale da renderli ben più convincenti. Inoltre, gli individui del gregge non sono onniscienti, ma le loro conoscenze si limitano a ciò che hanno appreso dal loro pastore e che hanno rielaborato nella loro ottica: questo crea dei simpatici qui pro quo che portano, ad esempio, a scambiare le figure di Dio e di Satana.

Attraverso i ragionamenti delle pecore, che rasentano la filosofia, ci si trova ad osservare, dal loro punto di vista, quanto siano strani e contraddittori i nostri comportamenti.

Lento in alcuni punti, riesce comunque a mantenere viva l’attenzione fino alla fine: chi non vorrebbe sapere come possono delle pecore riuscire a smascherare un assassino che ha lasciato una scena del crimine tanto strana?

 

Annunci

3 commenti »

  1. dada said,

    molto bello , lo sto leggendo ora sotto effetto hascish

  2. angie said,

    L’ho letto anch’io e mi riporta un po’ al libro “La collina dei Conigli” di Adams. Fantastica l’opportunità di mettersi nei panni delle pecore!! Poetico l’accostamento tra anima e olfatto. Un libro leggero da leggere con calma, con la calma delle pecore…

  3. Rosacarota said,

    Stupendo, davvero stupendo. Peccato che nei fatti Miss Maple non abbia risolto un bel niente. Questo un po’ mi è dispiaciuto: avrei preferito che ci fosse arrivata da sola alla soluzione del giallo, ma del resto è solo una pecora per quanto sia la pecora più intelligente del gregge ecc. Mi è piaciuta molto la convinzione delle pecore riguardo alle nuvole. Fantastica!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: